EDITORI
DELLA PESTE




Giuseppe De Micheli

36 Trame




da sempre l'uomo si racconta la stessa storia,
ma ogni volta è diversa


“Gozzi1 sosteneva che possono esistere solo trentasei situazioni tragiche. Schiller si diede da fare per trovarne altre, ma non fu capace nemmeno di trovarne tante quante Gozzi.”
Con questa citazione da Goethe, Georges Polti, critico teatrale, commediografo e romanziere francese (1868-1946), apre il suo Les Trente-six Situations dramatiques, un trattato che vuole classificare e sistematizzare tutti i possibili temi suscettibili di narrazione drammatica.
La tradizione di questa sistematizzazione, strutturalista ante-litteram e assolutamente anti-romantica, parte quindi da Gozzi e, attraverso Schiller, Goethe stesso (che afferma che queste situazioni dovrebbero essere circa una trentina), Gerard de Nerval, giunge a Georges Polti, che le fissa in trentasei, esattamente lo stesso numero trovato da Gozzi. Sfortunatamente Gozzi ha solo enunciato il numero delle situazioni tragiche, ma non ce le ha descritte.
Polti ha sostituito l’aggettivo tragiche usato da Gozzi e Goethe, con drammatiche, ritenendoli sinonimi. A chi scrive non sembra, ma non è questa la sede per sottilizzare. Piuttosto interessa far notare che lo schema non vuole esaurire l’universo delle situazioni narrative, ma solo di quelle che presentano una tensione drammatica. Sono pertanto escluse dallo schema descrizioni, bozzetti, flussi di coscienza eccetera.
L’impianto descrittivo utilizzato da Polti è uniforme per tutte le situazioni: anzitutto fornisce un titolo, poi lo fa seguire dagli elementi dinamici che caratterizzano la situazione, cioè dagli agenti e dagli oggetti; infine presenta le possibili varianti chiamandole nuances (sfumature).
Un imponente catalogo di 1.000 opere letterarie e teatrali, dall’antichità fino ai primi del ‘900, dell’occidente, arabe e orientali, ciascuna classificata secondo lo schema, conclude l’opera di Polti..

Queste trentasei situazioni dovrebbero coprire quindi tutto lo spazio dell’immaginazione umana, dall’inizio della narrazione orale fino ai nostri giorni.

E’ aperta la sfida a chi concepisce una situazione non classificabile nello schema di Polti. Io non ci sono riuscito. Tutti i racconti che ho scritto rientrano, senza tentennamenti, in una delle trentasei tipologie.

In questa antologia presento diciotto racconti classificabili nelle prime diciotto situazioni. Seguirà un secondo volume con i racconti relativi alle restanti diciotto situazioni.

1 Si tratta proprio del drammaturgo veneziano Carlo Gozzi, rivale di Goldoni.
Giuseppe De Micheli



2008 Editori della Peste 170 Pagine € 14

Ordina il libro
Conosci l'autore


Ritorna ai libri degli Editori della Peste La Fabbrica dell'Esperienza Ritorna alla Home page